FOTIOS LOUPAKIS, SPECIALISTA IN NEOPLASIE COLORETTALI, UNICO ITALIANO NELLO SCIENTIFIC PROGRAM COMMITTEE DEL PIU’ IMPORTANTE CONVEGNO MONDIALE DI ONCOLOGIA

Si tiene nei prossimi giorni a Washington (USA) la seduta annuale dello Scientific Program Committee dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), il comitato di esperti che revisiona e seleziona gli abstract per identificare le migliori presentazioni per l’annuale appuntamento dell’ASCO, il più importante convegno mondiale di oncologia.

Il Comitato, che si ritrova nella capitale federale statunitense dal 21 al 24 marzo, è composto da circa 170 specialisti: tra questi c’è un solo italiano, Fotios Loupakis, esperto di oncologia colorettale e dirigente medico presso l’Oncologia Medica 1 dello IOV-IRCCS.

Nato a Pisa nel 1979, Loupakis si è laureato presso la facoltà di medicina dell’Università di Pisa, dove ha conseguito specializzazione, dottorato in Biotecnologie e Master in Sperimentazioni Cliniche, oltre ad essere stato Research Fellow presso il laboratorio di Oncologia Traslazionale di Heinz-Josef Lenz (University of Southern California, Los Angeles). E’ autore principale o coautore di 160 articoli su riviste peer reviewed, oltre che collaboratore o revisore delle maggiori riviste oncologiche internazionali, da Annals of Oncology al Journal of Clinical Oncology, da Lancet Oncology all’International Journal of Cancer.

Loupakis è stato selezionato nel Committee dell’ASCO sulla base del suo profilo scientifico e dell’esperienza già maturata in ambito di tumori colorettali, nonostante sia un “under 40”: nel suo curriculum ci sono infatti anche le presentazioni di cui è già stato protagonista proprio all’ASCO, dove gli è già stato assegnato nel 2009 il prestigioso Merit Award destinato ai migliori giovani oncologi del panorama internazionale.

“La presenza di Fotios Loupakis nello Scientific Program Committee dell’ASCO è di grande soddisfazione e orgoglio per tutto l’Istituto”, ha detto Vittorina Zagonel (Direttore Oncologia Medica 1, IOV-IRCCS), “La scelta dell’ASCO premia il brillante curriculum professionale di Fotios, ma anche una squadra di giovani oncologi che abbiamo messo a punto allo IOV sul trattamento dei tumori colorettali, e conferma come l’oncologia italiana ha raggiunto livelli di qualità scientifica e di competitività altissima. Tutto questo – voglio sottolinearlo – impegna ancor più noi oncologi di più lunga esperienza a creare il giusto ambiente affinchè giovani oncologi motivati e capaci possano costruire il futuro dell’oncologia italiana, e internazionale, a vantaggio dei pazienti. Con Fotios e altri oncologi come lui, abbiamo allo IOV l’America in casa”.

Lo Scientific Program Committee dell’American Society of Clinical Oncology è coordinato da Ann Partrdige, oncologa del Dana Farber Insitute, dove dirige il programma per giovani donne con carcinoma mammario. Il Committee comprende 24 aree specialistiche, che vanno dalla biologia molecolare all’immunoncologia, dai tumori del sistema nervoso centrale ai tumori del seno, dai sarcomi ai tumori del polmone.

Il “track” colorettale di cui fa parte Fotios Loupakis è coordinato da Wells A. Messersmith, direttore dell’oncologia medica presso l’Anschutz Medical Campus dell’Università del Colorado. I membri del Comitato, e Loupakis tra di loro, rimangono in carica per tre anni: è il team che selezionerà i lavori presentati all’ASCO per le prossime edizioni fino al 2020.