È stata pubblicata sul sito di Alleanza Contro il Cancro (organizzazione di ricerca oncologica italiana, fondata nel 2002 dal Ministero della Salute e formata da 25 IRCCS, AIMaC, Italian Sarcoma Group, Fondazione CNAO ed Istituto Superiore di Sanità) una news sugli studi in corso sulle possibili correlazioni tra glioblastoma ed onde elettromagnetiche.

Il working group Glioblastoma di ACC è coordinato da Stefano Indraccolo (dirigente presso Immunologia e diagnostica molecolare, IOV-IRCCS), coinvolge una decina di laboratori ed unità cliniche di altrettanti IRCCS attivi in neuro-oncologia ed opera condividendo sia risultati di specifici test sia linee cellulari originate dalla neoplasia, nonché attività di formazione per i giovani ricercatori.

I possibili pericoli delle onde elettromagnetiche sono tornati alla ribalta in questi giorni dopo la sentenza del Tar del Lazio che ha indicato al Ministero della Salute di promuovere una campagna informativa sui rischi per la salute e l’ambiente legata alle corrette modalità d’uso di telefoni cellulari e cordless. Nella news vengono illustrate le linee di azione genetiche e clinico-assistenziali che sta seguendo il working group nel suo prezioso lavoro di ricerca.

Ecco l’articolo così come riportato dal sito di Alleanza Contro il Cancro: https://www.alleanzacontroilcancro.it/glioblastoma-e-quelle-onde-elettromagnetiche-sospette/.