Un risultato di prestigio ottenuto dopo un anno di analisi sui risultati scientifici e clinici dello IOV e dopo la visita ispettiva di una Commissione di Valutazione Ministeriale. 

Con decreto del Ministero della Salute datato 6 giugno 2017, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale in data 14 luglio, è stato confermato il riconoscimento del carattere d’eccellenza nazionale dell’Istituto Oncologico Veneto come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico.

La conferma del carattere di IRCCS per l’Istituto giunge al termine di un lungo percorso analitico e documentale durato circa un anno, durante il quale è stata svolta una completa verifica della qualità della cura e dei servizi offerti ai pazienti, nonché della qualità ed efficacia della ricerca e dell’organizzazione complessiva dello IOV (ad oggi unico IRCCS pubblico sul territorio regionale).

Il riconoscimento è stato accompagnato da una nota ufficiale stesa dalla Commissione di esperti ministeriali che hanno svolto la site-visit (avvenuta lo scorso 30 gennaio) per verificare di persona il modello organizzativo e tutte le documentazioni presentate dallo IOV ivi comprese le future progettualità.

Nella sua Relazione la Commissione di Valutazione Ministeriale ha manifestato apprezzamento per come l’IRCCS si sia adoperato con soddisfazione per lo sviluppo del modello di gestione multidisciplinare dei pazienti da parte dell’Istituto e del ruolo di HUB regionale; la Commissione ha inoltre valutato positivamente l’adozione dei PDTA e la qualità dell’attività scientifica dell’Istituto, che appare coerente con la tematica richiesta all’Istituto “ed adeguata, per qualità e quantità al riconoscimento del carattere di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico nella disciplina di oncologia”.

La relazione finale ha poi valutato positivamente il progetto di implementazione delle attività dello IOV presso l’ulteriore sede distaccata. Nelle sue conclusioni la Commissione ha apprezzato in particolare “l’attuale organizzazione dell’attività di ricerca nelle quattro linee con particolare attenzione agli aspetti della traslazione in ambito clinico e di osservazioni di tipo sperimentale anche preclinico, come dimostra la medesima produzione scientifica dell’IRCCS e si auspica il coinvolgimento dello IOV anche nella ricerca valutativa dell’efficacia ed impatto dei PDTA”.

Patrizia Simionato (Direttore Generale dell’Istituto, nella foto) e Giuseppe Opocher (Direttore scientifico dello IOV) hanno espresso soddisfazione per il rinnovo dello status di IRCCS: “una conferma che giunge a sottolineare la coerenza del lavoro che stiamo svolgendo per i pazienti e per il territorio regionale, rispondendo al chiaro mandato per cui lo IOV è stato creato dodici anni fa dalla Regione Veneto. Per questo vogliamo ringraziare tutti coloro – clinici, infermieri, dipendenti, collaboratori, ricercatori e volontari – che operano quotidianamente per far si che un Istituto sostanzialmente giovane come il nostro possa essere posizionato tra i migliori centri oncologici del nostro Paese”.

Nato nel 2005, lo IOV è stato riconosciuto come IRCCS per la prima volta nel 2006. Val la pena ricordare che gli IRCCS sono oggi in totale 49 su tutto il territorio nazionale, di cui 21 pubblici e 28 privati. Loro caratteristica è di essere “ospedali di eccellenza che perseguono finalità di ricerca, prevalentemente clinica e traslazionale, nel campo biomedico ed in quello della organizzazione e gestione dei servizi sanitari, ed effettuano prestazioni di ricovero e cura di alta specialità“. Le riconferme ministeriali (obbligatorie) per per un Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico sono fissate alla scadenza successiva di due anni, e sono sempre successive alla presentazione di specifica documentazione scientifico-clinico-organizzativa ed alla visita di controllo e verifica degli ispettori ministeriali.