Si apre domani a Roma il 29° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), il più importante appuntamento scientifico nazionale di aggiornamento e confronto sulle neoplasie, che riunisce annualmente circa 3.000 specialisti per fare il punto su prevenzione e lotta ai tumori. Come indicato dall’AIOM nella presentazione del suo simposio, “si stima che nel 2017 nel nostro Paese verranno diagnosticati 369.000 nuovi casi di cancro, ma le possibilità di guarigione sono in crescita. Sono decisivi i passi in avanti sul fronte delle terapie, anche se molto resta ancora da fare nel campo della prevenzione”.

Lo IOV-IRCCS sarà presente a Roma con i suoi oncologi e con le sue ricerche e sperimentazioni d’avanguardia che lo stanno confermando come istituto d’eccellenza nel settore delle neoplasie. In particolare tra i giovani oncologi dello IOV-IRCCS alcuni sono già stati selezionati per il premio per i migliori Poster dell’Oncologia 2017: si tratta di Silvia Stragliotto e Giuseppe Lombardi.

Oncologa attiva principalamente sulle neoplasie del tratto gastroenterico, Silvia Stragliotto viene premiata dall’Aiom per un poster presentato come primo autore, “Simultaneous Care Clinic: a three-year monoinstitutional experience”. Si tratta della descrizione accurata dell’Ambulatorio di Cure Simultanee (SCC) dello IOV che ha lo scopo di integrazione tra le terapie oncologiche attive e le cure palliative dal momento della presa in carico del paziente oncologico. Presso l’ambulatorio vengono valutati da vari specialisti (oncologo, palliativista, nutrizionista, radioterapia, psicologo, infermiere, case manager) tutti gli aspetti – tra cui i bisogni fisici, funzionali, psicologici, spirituali e sociali del malato e della sua famiglia – per ottimizzare la qualità della vita in ogni fase di malattia.

Specialista dei tumori cerebrali, Giuseppe Lombardi sarà invece premiato per il poster “REGOMA: a randomized, multicenter, controlled open-label phase II clinical trial evaluating regorafenib (REG) activity in relapsed glioblastoma (GBM) patients (PTS)”. Nello specifico lo studio Regoma è un trial multicentrico randomizzato in pazienti con glioblastoma, ideato e progettato dall’Istituto Oncologico Veneto-IRCCS, che ha mostrato ottimi e incoraggianti dati per un farmaco, il Regorafenib, che si è dimostrato superiore rispetto alla terapia standard in termini di aumento della sopravvivenza in pazienti.

I premi saranno consegnati a Stragliotto e Lombardi durante la cerimonia inaugurale del Congresso AIOM, nel pomeriggio di venerdì 27 ottobre.

Al Congresso AIOM parteciperanno anche Vittorina Zagonel, Pierfranco Conte (che presenterà in sessione plenaria i risultati dello studio ShortHER, dal fortissimo impatto etico visto che è uno studio indipendente), Vanna Chiarion Sileni, Valentina Guarneri (chairman nella sessione educazionale-ginecologica), Fotios Loupakis (che presenterà uno studio sui tumori colorettali metastatici Extensive characterization and prognostic analyses of BRAF mutated metastatic colorectal cancer: clinical results from the “BRAF, BeCool” platform) e Maria Vittoria Dieci (discussant nella sessione educazionale-mammella). In particolare quest’ultima presenterà venerdì mattina i risultati di una survey nazionale sulle problematiche di genere condotta tra i giovani oncologi dell’AIOM.