È stata una giornata all’insegna dello IOV-IRCCS, quella che ha aperto a Roma il XIX Congresso degli oncologi italiani dell’AIOM. Le premiazioni per i migliori giovani oncologi hanno infatti visto tre premi su quattro assegnati a giovani oncologi dell’Istituto. Si tratta di Giuseppe Lombardi, Silvia Stragliotto e Fotios Loupakis, tutti giovani specialisti di Oncologia Medica 1. Si tratta di un riconoscimento che ha suscitato vivo interesse all’interno dell’Aiom visto che non era mai accaduto che oncologi di un unico istituto oncologico facessero cosi incetta di riconoscimenti.

Il premio per la miglior comunicazione orale è andato a Fotios Loupakis per uno studio sui tumori colorettali metastatici Extensive characterization and prognostic analyses of BRAF mutated metastatic colorectal cancer: clinical results from the “BRAF, BeCool” platform. GiuseppeLombardi, specialista dei tumori cerebrali, ha preso il premio per il miglior poster per “REGOMA: a randomized, multicenter, controlled open-label phase II clinical trial evaluating regorafenib (REG) activity in relapsed glioblastoma (GBM) patients (PTS)”. Stesso riconoscimento anche per Silvia Stragliotto premiata dall’Aiom per un poster presentato come primo autore, “Simultaneous Care Clinic: a three-year monoinstitutional experience”, descrizione analitica dello stato di operatività dell’Ambulatorio di Cure Simultanee (SCC) dello IOV, che ha lo scopo di integrazione tra le terapie oncologiche attive e le cure palliative dal momento della presa in carico del paziente oncologico.

I tre premiati – che fanno parte della forte “trazione giovane” di uno degli IRCCS dall’età più bassa d’Italia – hanno ringraziato lo IOV-IRCCS e nello specifico Vittorina Zagonel, direttore di Oncologia Medica 1, “per il sostegno continuo e coraggioso che offre l’Istituto nello sviluppo della professionalità e dell’esperienza dei giovani oncologi, attraverso una vicinanza e un contributo umano e professionale non scontato e autenticamente utile”.

Lombardi, Zagonel, Stragliotto, Loupakis