Contatti

Mission

Il D.leg.vo n. 97/2016 ha unificato in capo ad una sola persona fisica l’incarico di responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT) il quale cura:

  • l’adempimento degli obblighi posti dalla normativa sulla prevenzione della corruzione di cui alla L. 190/12, al D.Leg.vo n. 39/13 e alle altre fonti normative in materia quali:
    • l’elaborazione del Piano triennale aziendale per la prevenzione della corruzione, previa definizione degli indirizzi strategici in materia;
    • la vigilanza sull’osservanza del piano, da attuarsi anche mediante la segnalazione alle strutture interessate, delle misure da adottare in caso di accertata violazione del medesimo;
    • la segnalazione all’organo di indirizzo e all’Organismo indipendente di valutazione (OIV) delle disfunzioni inerenti all’attuazione delle misure in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza;
    • l’indicazione agli uffici competenti all’esercizio dell’azione disciplinare dei nominativi dei dipendenti che non hanno attuato correttamente le misure in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza;
    • l’individuazione del soggetto preposto all’iscrizione all’Anagrafe unica delle stazioni appaltanti – AUSA, l’aggiornamento dei dati e l’indicazione del predetto soggetto preposto, all’interno del PTPC;
    • verifica, d’intesa con il dirigente competente, dell’effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio che siano commessi reati di corruzione;
    • vigilanza sul rispetto delle norma in materia di inconferibilità e incompatibilità, promozione della diffusione della conoscenza del codice di comportamento, monitoraggio annuale della sua attuazione, pubblicazione sul sito istituzionale e comunicazione all’Autorità nazionale anticorruzione;
  • l’adempimento degli obblighi posti dalla normativa in materia di trasparenza e in specie gli adempimenti in materia di pubblicità degli atti e di accesso civico, quali regolati dal D.Lgs. n. 33/2013.

Il RPCT è assistito da adeguata struttura di supporto e si avvale di personale addetto anche ad altre funzioni (controlli interni, audit, struttura di supporto all’OIV che cura il Piano delle performance).