Contatti

Mission

L’unità di Chirurgia oncologica dell’esofago e delle vie digestive svolge attività di diagnosi, cura e ricerca sulle neoplasie delle vie digestive, in particolare esofago, stomaco e colon-retto, sulle neoplasie del distretto epato-bilio-pancreatico (tumori del pancreas, tumori primitivi del fegato e metastasi epatiche) e sulle neoplasie primitive e secondarie del peritoneo (carcinosi peritoneale).

La gestione del percorso terapeutico-chirurgico è di tipo multidisciplinare. Ogni paziente è preso in carico da un team di chirurghi, oncologi, radioterapisti, endoscopisti, anatomo-patologi e nutrizionisti che lo seguono in ogni fase. Il paziente può, inoltre, contare su personale dedicato all’organizzazione e prenotazione di esami e ricoveri. Grazie a questo modello organizzativo la preparazione all’intervento avviene prevalentemente in regime ambulatoriale, per ridurre al minimo la degenza preparatoria; dopo l’intervento, viene data alla terapia del dolore e agli aspetti nutrizionali tutta l’attenzione necessaria.

A fianco delle degenze ordinarie è attivata la day-surgery oncologica, che soddisfa le necessità cliniche connesse al posizionamento dei sistemi di accesso vascolare per chemioterapia, nonché alle procedure di radiologia interventistica ed endoscopia operativa.

L’unità di Chirurgia dell’esofago e delle vie digestive dispone di tutte le tecnologie più avanzate e si dedica allo sviluppo di tecniche chirurgiche mini-invasive con le quali effettua la maggior parte degli interventi.

La ricerca clinica e di base fa parte integrante dell’attività di diagnosi e cura delle neoplasie trattate, al fine di offrire al malato i percorsi diagnostici e terapeutici più innovativi, anche all’interno di trial sperimentali.

I principali filoni di ricerca riguardano la patologia neoplastica esofago-gastrica, le neoplasie colo-rettali, le neoplasie pancreatiche e le neoplasie primitive e secondarie del peritoneo (carcinosi peritoneale), con particolare interesse ai modelli di carcinogenesi, agli approcci chirurgici mini-invasivi, all’uso di biomarcatori di malattia, alla qualità di vita nei pazienti operati e allo sviluppo di trattamenti loco-regionali avanzati (chemioterapia ipertermica intraperitoneale – HIPEC).

Direttore

Dott. Pierluigi Pilati

Staff