Sperimentazioni Cliniche

L’intensa attività clinica dello IOV è svolta da medici ospedalieri e universitari che si avvalgono, per la cura, di programmi di trattamento all’avanguardia, utilizzando le più accreditate terapie oncologiche convenzionali. Tale attività clinica è affiancata e integrata da un’altrettanto vivace attività di ricerca che, da un lato, consente di acquisire nuove conoscenze per il progresso della medicina e, dall’altro lato, offre la possibilità di impiegare terapie sperimentali innovative quali alternative terapeutiche destinate, in particolare, a quei pazienti su cui i farmaci convenzionali hanno fallito o sono risultati scarsamente efficaci.

Quest’ultimo aspetto si realizza grazie alla continua partecipazione dello IOV a sperimentazioni cliniche, nazionali e internazionali, che prevedono l’utilizzo di medicinali non commercializzati, cioè non reperibili sul mercato italiano. I medici specialisti dell’Istituto, inoltre, promuovono, progettano e realizzano sperimentazioni cliniche, di portata prevalentemente nazionale, che prevedono l’impiego di farmaci in commercio ma usati in modo sperimentale, al fine di testare nuove strategie terapeutiche e offrire, così, ulteriori possibilità di cura.

Tutte le sperimentazioni cliniche, siano esse promosse dall’industria farmaceutica o da organismi no profit, sono condotte allo IOV secondo rigorosi standard etici, normativi e di qualità. Prima di essere avviata, ogni sperimentazione deve essere approvata dal Comitato Etico per la sperimentazione clinica che si esprime in accordo alla normativa sulle sperimentazioni cliniche, ai dettami di buona pratica clinica (GCP) e ai principi etici indicati nella Dichiarazione di Helsinki.

Per i pazienti inseriti nei protocolli sperimentali, il principale riferimento assistenziale sono le infermiere di ricerca, che rappresentano un fiore all’occhiello dell’attività scientifica dello IOV, uno dei due soli centri italiani a essersi dotato di tale figura professionale.

I livelli dell’attività di ricerca, diagnosi e cura condotta nell’Istituto collocano lo IOV tra i più accreditati centri oncologici a livello nazionale.

Ricerca

Legenda

Sperimentazione clinica attiva

Sperimentazione clinica attiva chiusa all'arruolamento

Sperimentazione clinica chiusa

Risultati di ricerca

Filtri attivi:

  • Record ID: 233
(Pulisci filtri)

Risultati totali: 1 - Pazienti arruolati: 1

  • Titolo
    Fase
    Tipo
    Patologia
    Unità Operativa
    Stato
  • Studio di fase II randomizzato con R-DHAP +/- bortezomib nei Linfomi Diffusi a Grandi Cellule B (DLBCL) recidivate/refrattari come terapia di induzione pre-consolidamento ad alte dosi con BEAM e supporto di cellule staminali periferiche autologhe (ASCT) BR-DHAP + BEAM + ASCT versus R-DHAP + BEAM + ASCT

    Studio prospettico di fase II randomizzato a due bracci, rivolto a pazienti di età 18-65 anni affetti da DLBCL recidivati/refrattari, eleggibili a terapia ad alte dosi. Lo scopo dello studio è valutare se l’aggiunta di bortezomib a R-DHAP sia più attivo rispetto a R-DHAP da solo nella fase di induzione pre-consolidamento con alte dosi con ASCT in termini di risposta e sicurezza. In entrambi i bracci la fase di induzione verrà seguita da trapianto autologo o, se indicato, da trapianto allogenico. Un paziente è da considersi valutabile se è possibile definire la risposta tramite PET dopo 4 cicli o se un paziente esce dallo studio per progressione prima di completare il programma terapeutico.

    Fase

    II

    Tipo

    Sperimentale

    Patologia

    Linfomi

    Unità Operativa

    Oncologia 1

    Stato

    Aperto
    Codice Eduract 2012-000924-16 Sponsor/Promotore Fondazione Italiana Linfomi Onlus Pazienti Arruolati 1 Principal Investigator Marino Dario