Parte da Padova un progetto che punta a migliorare i modelli europei di cura delle neoplasie. Maggior attenzione alle persone e ai loro bisogni più specifici

E’ stato presentato questa mattina presso la sede dell’Istituto Oncologico Veneto IRCCS il Progetto INTENT (UsIng guidelines and beNchmarking to Trigger social entrepreneurship solutions towards better patient-centred cancer care in cENTral Europe) un’ambiziosa attività volta a sviluppare azioni a favore dei pazienti in ambito oncologico.

INTENT è finanziato dal Programma Interreg Central Europe dell’Unione Europea e l’Istituto Oncologico Veneto è il lead partner del Progetto. Il Progetto coinvolge 18 enti pubblici e privati: alcuni tra i più importanti Centri Oncologici Europei, il Ministero della Salute, l’Istituto Nazionale di Salute Pubblica della Slovenia (uno degli attori piu importanti al livello europeo in ambito di ricerca relativa alla gestione delle patologie oncologiche) ed altri organismi di politica sanitaria di vari paesi europei oltre a varie associazioni di pazienti e familiari. Il Progetto prevede una forte collaborazione con l’Organizzazione Europea degli Istituti Oncologici (OECI – Organization of European Cancer Institues) di cui IOV è membro attivo.

Significati e obiettivi del progetto sono stati così sintetizzati da Giuseppe Opocher, Direttore Scientifico dello IOV-IRCCS: “Seguendo il percorso di un approccio alle cure sempre più centrato sul paziente, che è l’obiettivo attuale della comunità clinica e delle istituzioni europee di politiche sanitarie, INTENT ha l’obiettivo di condividere competenze e know how per sviluppare e armonizzare attività di cura e assistenza in oncologia nell’Europa Centrale. Ciò significa sviluppare un’autentica comprensione di ciò che oggi può significare parlare di cure focalizzate sui bisogni complessivi del paziente, con l’obiettivo di sviluppare raccomandazioni, coinvolgere i vari stakeholder per generare soluzioni innovative, generare dialogo tra dirigenti, clinici e cittadini, creando un centro virtuale e transnazionale di knowhow al fine di alimentare il miglioramento continuo della cura incentrata sul paziente in Europa. La Commissione Europea si attende un impatto forte al termine del nostro lavoro, con l’introduzione della cultura del miglioramento continuo in grado di coinvolgere altri istituti di oncologia. siamo fiduciosi che quello che nascerà da INTENT potrà così avere ricadute sulla rete europea delle cure in oncologia”.

Per raggiungere questi obiettivi INTENT sviluppa cinque azioni pilota che consistono nella creazione di un modello di cura delle neoplasie centrate sul paziente con l’implementazione di specifiche linee guida; definizione di raccomandazioni alle politiche sanitarie territoriali per adottare il modello di cura centrato sul paziente e sui suoi bisogni complessivi; creazione e rilascio di uno strumento di benchmark online capace di mostrare cosa è utile e migliorabile per avviare un sistema di cure basato sul paziente; definizione di un piano condiviso che individui priorità per attività di sviluppo sociale; avvio di un centro digitale-virtuale di raccolta e condivisione di buone pratiche e idee innovative. L’esecuzione delle azioni pilota sarà accompagnata da una serie di attività formative volte agli operatori coinvolti in esse.

Intervenendo alla Conferenza Stampa, Domenico Mantoan (Direttore Generale Area Sanità e Sociale, Regione Veneto) ha sottolineato che progetti come INTENT “mostrano la capacità dello IOV e della Rete Oncologica Veneta di essere punto di eccellenza e quindi richiamo di progetti internazionali di alta complessità, anche nella logica di attrarre pazienti da tutta Europa, persone che sanno di trovare sul nostro territorio una qualità altissima di cure e di attenzione alla persona”. Patrizia Simionato (Direttore Generale dello IOV), ha inoltre sottolineato che INTENT rafforza la connotazione dello IOV come “di un istituto fortemente impegnato nello sviluppo di modelli innovativi che garantiscano l’umanizzazione delle cure”.

La Conferenza Stampa è stata organizzata nel primo giorno del lancio del Progetto (kick off meeting INTENT), che si tiene il 4 e 5 settembre presso la sede IOV di Piazza Antenore a Padova. Il Progetto europeo avviato oggi a Padova si concluderà nel giugno del 2020; durante questo periodo sono previsti tredici eventi disseminati nelle varie sedi dei partner internazionali. I lavori, lo sviluppo delle attività e gli output di INTENT saranno periodicamente pubblicati sul sito web-del progetto e saranno raccolti nel “centro virtuale di know-how” collegato al sito web di OECI e resi accessibili a tutti i suoi membri.